Pentathlon, le ambizioni italiane sono rosa

Fonte Corriere.com - 5 prove dure e nello stesso giorno: tiro, scherma, nuoto, equitazione e corsa.
I Giochi di Los Angeles e l’oro di Masala sono solo un ricordo. Il pentathlon italiano adesso è più rosa che azzurro: già perché dei quattro atleti qualificati per Pechino è sulle ragazze “con la pistola” che il team ripone qualche speranza. Claudia Corsini, una delle pentatlete più complete al mondo, e Sara Bertoli, casato Agnelli, alla sua prima e, dicono, ultima partecipazione olimpica (ad Atene era stata lasciata fuori, con strascichi polemici di sua mamma Argenta).
La Bertoli è sicuramente la più forte al mondo nell’equitazione, e ai cavalli tornerà a dedicarsi dopo i Giochi. Non eccelle nel tiro, ma punta ad arrivare tra le prime dieci. Un solo giorno (il 21 agosto), cinque prove da affrontare () e concorrenza da vendere. In campo maschile l’Italia, che per la seconda volta è riuscita a piazzare tutti e 4 i posti disponibili, si affida ad Andrea Valentini, 31 anni alla seconda partecipazione (ad Atene arrivò 19˚).

facebook

Centri Ippici

facebook