Polo Costa Smeralda tra Malo e Jaeger-LeCoultre

polo_costa_smeralda.jpg

Convulsa e ricca di suspence la seconda giornata, ieri, della “Julius Baer Summer Master Cup 2008”, il torneo di polo d’alto livello (vi partecipano giocatori di 5 Nazioni) che si tiene in notturna in Costa Smeralda a Bucchi Toltu, dieci minuti d’auto da Porto Cervo. La squadra Malo ha costretto, nella prima partita, al pareggio (8 a 8) il team Jaeger-LeCoultre, mentre nel secondo incontro, un volitivo Web Eyewear ha imbrigliato (5 ½ a 5) il Cala di Volpe.
Dopo le prima quattro partite ci sono perciò - nei due gruppi di squadre che si stanno scontrando in vista delle semifinali di sabato – tre quartetti (Audi, Julius Baer, Web Eyewear) a 2 punti in testa alle classifiche provvisorie, mentre ben quattro giocatori (Francisco Fucci, Julio Gracida, Augustin Grossi, Pablo Jauretche) guidano, con 5 goal ciascuno, quella dei marcatori. Ricco di conflittualità – sfociata inevitabilmente in molti falli – l’incontro fra il Malo guidato dall’austriaco Walter Scherb (con i tre argentini Paulito Pieres, Santiago Marambio e Josè Irusta in continuo galoppo su tutte le palle) e lo Jaeger-LeCoultre in cui i patron italiani Simone Chiarella e Riccardo Tattoni hanno accanto i micidiali fratelli argentini Eduardo e Francisco Menendez. E’ stato un continuo alternarsi di marcature che da una parte hanno visto Marambio e Pieres (spettacolare un goal di quest’ultimo con un gran tiro da 90 yard) andare a segno ognuno 4 volte, mentre in campo avverso è stato Eduardo Menendez (miglior goleador del torneo primaverile sullo stesso campo) ad aprire le marcature (in totale 3, di cui una mirabile sottopancia al cavallo) in sella alla sua splendida baia di 9 anni Monita, seguito da Francisco (4) e da Chiarella (1).
Fucci (3 goal) e Labat (2) - gli argentini del Web Eyewear capitanato dall’elvetico Philipp Maeder coadiuvato dall’altro svizzero Dillier – riuscivano a contenere gli spunti del messico-americano Gracida (2 goal) e soprattutto del loro esperto connazionale Jauretche (3) – ha giocato negli ultimi due Open d’Argentina, l’Abierto, massima competizione mondiale – e a salvaguardare il mezzo goal di vantaggio assegnatogli per il più basso handicap complessivo del Web Eyewear. Ed era proprio questa mezza misura a dare il successo al team di Maeder: “Sono strafelice, ma tanto di cappello al Cala di Volpe per la correttezza in campo”.
Oggi in programma due partite di cartello, fra i team ritenuti i più forti della “Julius Baer Summer Master Cup 2008”: alle 20 Julius Baer incontrerà Jaeger-LeCoultre e alle 21’30 Malo giocherà contro Audi. In palio una robusta ipoteca sull’accesso in semifinale.  
    

facebook

Centri Ippici

facebook