Ha chiuso i battenti Piazza di Siena: dove sono finite le azalee?

piazza di siena 2008 campo gara.jpg

La prima gara del concorso internazionale appena conclusosi, era tradizionalmente nota come “Premio Azalee”. Ai tempi d’oro dello CSIO, infatti, ai tempi di Mastronardi, il campo, gli ostacoli e le tribune traboccavano di questi fiori come al Festival di Sanremo.
Insieme alla qualità dell’organizzazione sono via via scemati anche i fiori e questa edizione è – paradossalmente, visto che il fondo in erba non c’è più – tutta verde. Non c’è un fiore!
L’architetto paesaggista incaricato di addolcire l’aspetto arido dell’arena è stata Chiara Rutelli, una signora molto fine e piacevole e brava. Questo quello che prometteva di preparare:
“Lo CSIO di Piazza di Siena sarà è abbellito da un meraviglioso “giardino all’italiana” che richiama il contesto della storica Villa Borghese che ospita il Concorso. Per creare continuità – spiega - tra il giardino della Villa e l’ovale del campo, sono state utilizzate esclusivamente piante tipiche del giardino mediterraneo: Abelia, Euonymus, Laurus nobilis, Pittosporum, Polygala myrtifolia, Buxus linearifolia”. Per quanto riguarda le fioriture, continua l’architetto : “sono state scelte rose di varie specie, Pelargonium francesino, Petunie e Impatiens ma solo delle varie tonalità del rosa per creare uniformità cromatica.”

I mezzi che le hanno messo a disposizione, però, sono quelli che sono e per il 2008 il colpo d’occhio è stato il seguente:
- Alcuni “cespugli” verdi composti da piante in vaso in vari punti dell’anello;
- Alcune isole di verde ai vertici del campo;
- Poche e tristi piante in vaso poste vicino ai ripari degli ostacoli;
- Due ‘laghetti’ contornati da ancora più tristi piantine in vasi di plastica nera allineati come al vivaio. (CdD)

facebook

Centri Ippici

facebook