L'indurimento delle arterie può essere collegato alla morte improvvisa dei cavalli da corsa

ippica.jpg

L'indurimento delle arterie polmonari può avere un ruolo attivo nella morte improvvisa in più di un quarto dei cavalli da corsa esaminati in uno studio canadese.
In una recente pubblicazione, il dott. Luis Arroyo e i suoi co-autori, dell'Università del Guelph's Ontario Veterinary College, hanno esaminato il possibile coinvolgimento dell'ispessimento delle arterie polmonari in queste morti inspiegabili.
Circa 150 cavalli muoiono negli ippodromi dell'Ontario ogni anno.
Per circa la metà la causa sono fratture, ma in circa un quarto dei rimanenti casi, gli esperti non sanno dare una spiegazione delle possibili cause, ha detto il dott. Arroyo.
Un indizio può nascondersi nella calcificazione arteriosa, o nell'indurimento delle arterie polmonari, nei giovani cavalli da corsa.
"E' duro come una roccia" ha detto il dott. Arroyo, che ha identificato questo indurimento durante l'esame post-mortem di cavalli inviati all'Università veterinaria nel programma di controllo delle morti dell'Ontario Racing Commission.
Il programma prevede che ogni cavallo morto entro due settimane da una corsa di trotto o galoppo, venga esaminato secondo il protocollo standard di medicina legale.
Le diapositive proiettate dal dott. Arroyo mostrano come le pareti dell'arteria siano piene di fibre di collagene e perdano l'elasticità che normalmente serve a questi vasi sanguigni per pompare il sangue dal cuore ai polmoni, dove viene arricchito di ossigeno.
Quasi l'85% dei cavalli da corsa mostra questo indurimento, prevalentemente delle arterie polmonari.
Nell'uomo, la rigidità vescolare sopravviene in pazienti con danni renali o diabete. Nessuno dei due disturbi risulta essere coinvolto nei cavalli da corsa, ha detto Arroyo.
I ricercatori sospettano che la calcificazione delle arterie spieghi parzialmente alcune di queste morti misteriose.
Insieme con il professore di ingegneria dell'Università di Guelph, il team ha studiato la biomeccanica delle arterie e ha trovato cambiamenti nel comportamento e nella struttura delle pareti arteriose, che possono rendere i vasi sanguigni suscettibili di indurimento.
Non si conoscono ancora i fattori di rischio coinvolti, ma il dott. Arroyo ha detto che lo stile di vita di questi cavalli da corsa può giocare un ruolo attivo.
I ricercatori hanno esaminato i tessuti di più di 100 cavalli da corsa che sono morti tra l'inizio del 2006 e l'inizio del 2007.
Circa 1000 cavalli sono arrivati all'Animal Health Laboratory per esami post-mortem negli ultimi sei anni; Arroyo ha esaminato circa un terzo di questi casi.
Il dott. Arroyo ha scritto l'articolo con la collaborazione del Professor Laurent Viel (clinico), e del Professor Tony Hayes (patobiologo), entrambi dell'Università di Guelph, con Josepha DeLay patologa dell'Animal Health Laboratory (AHL), con la Dr Chitra Rao patologa forense della McMaster University, e con Bruce Duncan un veterinario dell'Ontario Racing Commission (ORC) di Toronto.

FD

facebook

Centri Ippici

facebook