I falsi numeri dell'ippica.

Italia paese di ipocriti? Negarlo resta difficile. L'ultimo esempio ce lo fornisce proprio l'ippica con la sua crisi dalla quale é venuta fuori una grande bugia professata da tanti e ripresa ancora in queste ore relativa al numero di persone che in Italia vivono grazie ai proventi derivanti dal settore ippico.

Abbiamo più volte letto di quel numero "CINQUANTAMILA" scritto a caratteri cubitali riferito appunto alle famiglie ippiche presenti nel paese. Non sappiamo da dove sia saltata fuori quella cifra, siamo però certi che é stata citata per difetto. L'ippica é uno di quei settori dove il"lavoro nero" é presente in maniera massiccia. Dove il personale regolarmente assunto seppur non a tempo pieno rappresenta la classica mosca bianca. Ecco perchè riteniamo pura ipocrisia parlare di cinquantamila famiglie che vivono grazie all'ippica. Una conosciuta bugia che in queste ore abbiamo ancora ascoltato da un deputato del partito democratico. L'onorevole in questione però non si é limitato a pronunciare il  falso numero già citato ma é addirittura andato oltre affermando che nella regione toscana in otto ippodromi e con la presenza di duemila cavalli vi sono settecento lavoratori ippici. Numero di dipendenti che solo chi non conosce il lavoro che si svolge in un ippodromo e vicino a dei box può ritenere possibile. Sapere perfettamente che quelle cifre non possono essere veritiere ma far finta di crederci. Se non é ipocrisia questa.......

(Bruno Delgado)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

facebook

Centri Ippici

facebook