Terapie rigenerative nel cavallo sportivo

agenda_1.jpg

Quando i cavalli non si comportano secondo i loro standard abituali, indipendentemente dalla disciplina, i segni possono essere sottili. Di solito, è il cavaliere che per primo si accorge di questi segnali, talvolta molto sottili, e si chiede se ci sia qualcosa che non vada. Un cavallo può improvvisamente mancare di impulso, essere irregolare nel passo o inciampare più del solito. I cavalieri possono facilmente attribuire questi problemi a delle loro eventuali mancanze, ma il veterinario è in grado di capire se, e decidere quando, ci può essere un problema di fondo e quale possa essere.

I trattamenti biologici auto-derivati sono una forma di medicina rigenerativa, che incoraggiano il corpo ad auto-rigenerarsi attraverso la stimolazione di processi biologici naturali. La medicina rigenerativa è usata per trattare o prevenire le malattie articolari e le lesioni dei tessuti molli e lavora per diminuire alcuni dei processi biologici dannosi che possono inibire o rallentare il recupero. Promuovendo la guarigione e un ambiente articolare sano, i veterinari sono in grado di sostenere meglio i cavalli per tutta la loro carriera atletica.

Come ha spiegato il Dr. Dubynsky della Palm Beach Equine Clinic, gli agenti biologici che si trovano nel sangue del cavallo stesso possono essere raccolti, concentrati e restituiti all'area interessata dello stesso cavallo. Questo siero autoderivato combina fattori di crescita naturali e mediatori antinfiammatori, tra gli altri agenti, che possono migliorare la struttura, la forza e la velocità di guarigione. Nella medicina sportiva equina, si usano comunemente le terapie rigenerative per trattare le lesioni muscoloscheletriche e come terapia preventiva per preservare proattivamente la salute delle articolazioni.

Alcune terapie rigenerative possono essere preparate in sede e somministrate in una sola dose. I sieri definiti autologhi,  quindi auto-derivati (derivati dal sangue del paziente), sono naturali e senza steroidi, e non prevedono i tempi di sospensione dei farmaci per i cavalli che gareggiano in competizioni FEI o altre competizioni riconosciute.

I cavalli possono raccogliere i benefici dei trattamenti biologici di questo tipo ben prima che si verifichi un grave infortunio che potrebbe far deragliare l'allenamento o richiedere un lungo recupero. Diverse forme di terapia rigenerativa, come le cellule staminali, il plasma ricco di piastrine (PRP) e la proteina antagonista del recettore dell'interleuchina-1 (IRAP), sono molto ricercate. Questo tipo di terapia in evoluzione è ora una componente comune della cura completa e a lungo termine del cavallo da competizione.

La medicina tradizionale tende a concentrarsi sul trattamento dei sintomi dei problemi di salute, mentre la medicina rigenerativa mira alle cause profonde e a risolverle per riuscire a risolvere il problema sul lungo periodo. I farmaci antinfiammatori non steroidei e i corticosteroidi possono diminuire la risposta di guarigione del corso nel tempo, al contrario, i biologici autoderivati stimolano la produzione di tessuto normale e sano invece di tessuto cicatriziale più debole, maggiormente incline a una nuova lesione.  

www.equineclinic.com | foto HSJ

HSJ

facebook

Centri Ippici

facebook