Veterinaria: Scoordinazione degli arti nel cavallo ed atassia

cavallo spina dorsale.jpg

La Sindrome di Wobbler comprende una diversa serie di stati patologici del cavallo ed è generalmente caratterizzata da una malformazione delle vertebre che causa compressione del midollo spinale provocando movimenti spastici ed atassia.
E' importante precisare che l'atassia, quindi, non è una patologia, ma un sintomo caraterizzato da un deficit propriocettivo con conseguente perdita di coordinazione motoria evidente quando il cavallo è in movimento.
Posizionamento anomalo dei piedi, tendenza ad incrociare gli arti e a fare perno sull'arto interno in circolo sono solo alcuni dei segni che possono essere ricondotti ad un'Atassia spinale locomotoria.
L'eziopatologia di tale sintomatologia è molto varia e può essere, come  già detto in precedenza, legata ad una diagnosi di Sindrome di Wobbler.
In questi casi le malformazioni e le lesioni a carico delle vertebre vanno a comprimere il midollo spinale e ad interferire, dunque, con i segnali neurologici provienienti dal sistema nervoso centrale e diretti alle gambe del cavallo, da qui il disturbo legato alla mancanza di coordinazione nel movimento degli arti, definita anche atassia.
Questa sintomatologia è solitamente a carico dei posteriori dell'animale e la gravità dei segni clinici, che possono comparire improvvisamente o gradualmente, può aumentare fino a portare, in casi rari ed estremi, anche alla morte.
Altre particolarità riscontrate nei soggetti affetti sono: anteriori rigidi, "passo trascinato", difficoltà ad alzarsi ed, infine, barcollamento ed instabilità che potrebbero causare possibili cadute durante l'esercizio fisico.
Per risolvere il problema, spesso, si ricorre ad un trattamento chirurgico, ma si fa presente che la convalescenza di solito copre un periodo di 6/12 mesi.


Le cause esatte che portano all'insorgenza di questa Sindrome e, dunque, ad atassia, sono ancora sconosciute, anche se si pensa che possa essere dovuta ad una serie di fattori quali la predisposizione genetica, squilibri nell'alimentazione, una crescita particolarmente rapida, l'aver subito traumi fisici oppure una combinazione di tutti questi elementi.
Molti studi hanno mostrato, inoltre, sia più comune nei maschi piuttosto che nelle femmine (3:1), anche se la ragione non è stata ancora del tutto scoperta. Ciò nonostante si ipotizza che possa essere dovuta all'influenza degli estrogeni (ormoni sessuali femminili) e del testosterone (ormone sessuale maschile) sulla crescita del tessuto osseo e quindi sull'insorgenza di disturbi che rientrano fra quelli di tipo ortopedico.
Alcuni ricercatori, infine, sostengono che la Sindrome di Wobbler sia correlata ad una eccessiva lunghezza del collo così come anche disordini metabolici ossei, quali osteocondrosi e fisiti, possono agevolare lo sviluppo di queste problematiche.

AC

fonte: "Wobbler Syndrome in Horse" Equine Section, Department of Animal Sciences, University of Kentucky

foto: www.istockphoto.com/decade3d

facebook

Centri Ippici

facebook