Rolex Grand Slam: intervista con Edouard Schmitz

Edouard Schmitz and Balenciana K (photo OmPhotographe (c) Jump Mag.jpeg

Quali sono i tuoi obiettivi per il resto di quest'anno, e quali sono i tuoi piani, sogni e ambizioni per il 2022?

Quest'anno sono stato selezionato per saltare in alcune Coppe del Mondo per la prima volta, ed è un'esperienza incredibile. Gareggerò nelle Coppe del Mondo di Madrid, Londra e Mechelen. Avere un buon risultato in una di queste sarebbe un ottimo modo per finire il 2021. Sto andando al CHI di Ginevra, e siccome è il mio concorso "a casa", voglio fare del mio meglio.

E' stata un'ascesa quest'anno e il mio obiettivo è quello di continuare questa curva ascendente. Voglio arrivare più in alto possibiel nella classifica - spero nella top 50 - che sarebbe un grande risultato per me e mi permetterebbe di saltare in alcune competizioni più grandi. Sogno di partecipare alla Coppa delle Nazioni. Come orgoglioso svizzero e patriota, indossare la giacca rossa è sempre qualcosa di speciale per me e avere questa possibilità il prossimo anno sarebbe fantastico.

Qual è stato il momento di maggior orgoglio della tua carriera finora?

Il mio momento di maggior orgoglio è avvenuto qualche anno fa quando avevo 16 anni, dall'esterno si potrebbe non pensare che questo sia il momento migliore della mia carriera ma per me lo è. Ero ad uno show internazionale U25 a Chevenez, e dato che avevo 16 anni il mio allenatore voleva che saltassi nel Grand Prix junior; tuttavia, volevo davvero saltare nel Grand Prix U25, dato che avevo una wild card per partecipare e significava che avrei potuto anche vincere una wild card per saltare al CHI Ginevra. Per tutta la settimana ho lottato per gareggiare nella categoria più grande e il mio allenatore continuava a dire che era una cattiva idea e che non avrei dovuto farlo; ho lottato così tanto per saltare in quella competizione che alla fine mi ha lasciato entrare - e ho vinto e ottenuto la wild card per CHI Ginevra! Montavo Cortino 46, e penso che sia stato uno dei momenti più d'orgoglio della mia carriera perché mi sentivo come se avessi dimostrato che tutti si sbagliavano.

Eri (sei!) un sciatore junior affermato; perché hai deciso di concentrarti sul salto ostacoli?

Non so davvero perché ho scelto uno piuttosto che l'altro, visto che ero davvero appassionato di entrambi gli sport. Ma credo che alla fine ho preferito il salto ostacoli e non mi sono mai pentito di averlo preferito allo sci.

C'è qualcosa che hai imparato durante i tuoi studi universitari che applichi al salto ostacoli e viceversa?

Penso che in generale lo sport sia una buona scuola di vita per tutti. Il pensiero sistematico che si impara negli studi di ingegneria o di matematica sono anche un vantaggio in diverse situazioni nell'equitazione. Penso che nello sport abbiamo la tendenza - che a volte è una buona cosa - a lasciare che le emozioni prendano il sopravvento e sentiamo, più che pensare. È ciò che è anche così bello nello sport, che si può portare un po' di pensiero sistematico, che è una buona cosa.

In ingegneria hai un problema e lo risolvi con gli strumenti che hai, e penso che portare questa mentalità nell'equitazione sia molto prezioso. Lo sport e il pensiero sistematico sono complementari e i miei studi universitari mi hanno davvero aiutato ad imparare questo.

Proprio come il tennis e il golf, anche il salto ostacoli ha il suo Grande Slam. Quali degli altri "Majors" sportivi ti piace guardare e qual è il tuo preferito e perché?

Come svizzero non si può dire di non guardare i Majors del tennis, soprattutto quando si ha un atleta così grande come Roger Federer. È incredibile anche fuori dal campo - è una persona molto simpatica, e l'atmosfera che emana durante le interviste è incredibile. È progredito personalmente moltissimo, quando ha iniziato era il 'cattivo ragazzo del tennis' e ora si è trasformato nell'atleta più corretto ed educato. Sento che ognuno ha qualcosa da imparare dal suo percorso, e seguire quel percorso al più alto livello è qualcosa che è, ovviamente, straordinario.

Il mio Major preferito sarebbe Wimbledon o il Roland-Garros, ma penso che se fossi costretto a sceglierne solo uno sarebbe il Roland-Garros. Penso che il torneo sia più interessante perché Federer non gioca così bene sulla terra battuta e quindi c'è un po' più di pressione.

Chi ti ha ispirato di più durante la tua carriera? C'è un atleta che idolatri?

Non mi piace la parola idolatrare - perché c'è una mancanza di critica nell'idolatrare qualcuno. Guardare e adorare qualcuno senza mettere in discussione ciò che fa, penso che possa essere molto dannoso. Mi piace guardare tutti i cavalieri e scegliere la parte preferita da emulare.

Quando ero piccolo, andavo al CHI Ginevra ogni anno e guardavo i cavalieri nel lavoro in piano e durante il riscaldamento, e sceglievo quello che mi piaceva di più. Il lunedì tornavo al maneggio e lo provavo da solo. L'insegnante di equitazione diceva sempre, 'Edouard, cosa stai facendo?', perché ero molto affezionato a Pius Schwizer a quel tempo, e lui montava sempre con i gomiti in fuori. Così, il lunedì ero sul mio pony con i gomiti in fuori, e tutti mi chiedevano cosa stavo cercando di fare. Guardo tutti e scelgo quello che mi piace di più, ma non lo idolatro perché penso che idolatrare ti porti a uno stato stagnante.

I miei genitori sono sempre stati grandi sostenitori e sono una grande ispirazione per me. Non si sono mai addentrati troppo nel salto ostacoli e questo è un problema che ho a volte - sono così ossessionato da alcune cose che a volte è difficile tirarmi fuori dalla situazione.

Cosa ti mantiene motivato e affamato di successo?

Penso che tutto ciò che riguarda i cavalli e la competizione mi mantenga affamato e motivato. Sono sempre stato un concorrente fin da quando ero un bambino piccolo - dovevo essere il primo a toccare la macchina quando correvo o dovevo avere i migliori voti a scuola. Alcune persone potrebbero dire che è un po' tossico in certi momenti, ma io sono semplicemente una persona competitiva fino al midollo e voglio sempre di più.

Parlaci un po' della tua attuale scuderia di cavalli e delle loro personalità... Quale dei tuoi giovani cavalli ti entusiasma di più?

Ho la migliore serie di cavalli che abbia mai avuto quest'anno, e c'è stato molto movimento ultimamente da questo punto di vista. Non ho molti cavalli giovani al momento - abbiamo costruito alcuni cavalli di sette anni, ma ora hanno tutti otto o nove anni.

Ho montato Quno negli ultimi mesi. Aveva già acquisito una certa esperienza saltando in competizioni più grandi con il suo precedente cavaliere, e spero di poter sfruttare al meglio la sua esperienza per costruire la mia nelle categorie più importanti. Ho alcuni cavalli di proprietà del signor Arturo Fasana, uno dei quali si chiama Gamin Van't Naastveldhof e penso che sarà un vero affare. È sempre difficile dirlo a questo punto, ma per come stanno andando le cose, sembra davvero buono e siamo tutti molto eccitati per quel cavallo.

Poi ho Cortino 46 che ho da quando avevo 15 anni e con lui ho partecipato a cinque campionati europei giovanili. È stato il cavallo più incredibile per me, ho vinto il mio primo 5* con lui, così come ho saltato nel mio primo Grand Prix 3* - la maggior parte della mia esperienza da 1,45m a 1,60m viene da lui. Balenciana K è un altro cavallo molto buono che ho, ma è un po' una signora, vuole che le si parli con gentilezza. È sensibile quindi non è facile trattare con lei, ma con la giusta gestione farà qualsiasi cosa.

E poi ho Babylone Des Erables, che monto anche per il signor Arturo Fasana, ha gareggiato a livello 3* quest'anno ed è un cavallo molto competitivo oltre 1,50. Infine, ho Illusion che è un cavallo di otto anni e il mio cavallo più giovane, anche lui di proprietà di Arturo Fasana, e penso che potrebbe anche essere un ottimo cavallo.

Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato?

Il mio precedente allenatore aveva una frase che diceva sempre, e che mi piace molto, che è 'Non dovresti mai pensare di essere più intelligente degli altri'. Andavamo a provare nuovi cavalli insieme, e a volte si sente dire ai cavalieri: 'Penso che potrei fare un lavoro migliore con questo cavallo', e a volte può essere un po' scortese. Penso che sia un'ottima frase per vivere la vita.

Come giovane cavaliere, cosa significa per te il Rolex Grand Slam of Show Jumping? Quanto credi che il Grande Slam Rolex sia positivo per lo sport del salto ostacoli?

Penso che sia la cosa più prestigiosa che si possa vincere nel nostro sport. Raggruppa alcuni degli spettacoli più leggendari del nostro sport. Voglio dire, ovviamente io amo Ginevra - ma tutti e quattro gli show sono il meglio di ciò che il nostro sport ha da offrire, e tutti hanno così tanta storia. Solo una persona ha vinto il Rolex Grand Slam of Show Jumping - Scott Brash - e questo lo rende il premio più esclusivo di questo sport.

Non per colpa di qualcuno, ma per la storia, ogni altro titolo da vincere è stato vinto da numerose persone e nel tempo sempre più persone li vinceranno. Quindi, se vuoi far parte del gruppo più esclusivo del nostro sport, devi vincere il Rolex Grand Slam of Show Jumping. Voglio essere ricordato come qualcuno in questo sport e il modo per farlo è vincere il Grande Slam Rolex di salto ostacoli ed entrare a far parte di questo gruppo esclusivo.

Se fossi bloccato su un'isola deserta, quali tre oggetti porteresti con te?

Questa è una domanda difficile! Penso probabilmente un libro - anche se non so quale, poi il mio computer portatile - ma non ci sarebbe Wi-Fi, e poi alcune foto della mia famiglia e delle persone che amo.  

trad. Interview by rolexgrandslam | Photo Edouard Schmitz and Balenciana K (photo: Om'Photographe / Jump Mag

facebook

Centri Ippici

facebook