Nutrizione equina: I componenti analitici espressi nei cartellini dei mangimi, qual è il loro significato?

horse...jpg

I cartellini dei mangimi contengono una lunga serie di informazioni, spesso di difficile interpretazione. In un cartellino ci sono una serie di campi indicati, come la composizione, i componenti analitici, gli additivi e le istruzioni. Vediamo di seguito il significato dei componenti analitici, ossia proteine, grassi, fibre e ceneri.

Proteine
L’importanza di un buon apporto di proteine appare indiscussa nel momento in cui se ne elencano le funzioni: sono parte integrante di tutti i tessuti corporei (dal pelo ai muscoli), fungono da enzimi e ormoni nei vari processi metabolici, costituiscono gli anticorpi del sistema immunitario, e così via.
Sebbene il cavallo riesca a sintetizzare da sé la maggior parte dei “mattoncini” che costituiscono le proteine, ovvero gli amminoacidi, ve ne sono alcuni che devono essere necessariamente ricavati dalla dieta, e per questo noti come amminoacidi essenziali. Nel cavallo sono dieci: arginina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina, treonina, triptofano e valina.
Gli amminoacidi si ottengono dalla digestione delle proteine: prima a livello gastrico e poi di piccolo intestino. In quest’ultimo avviene anche la gran parte del loro assorbimento.
Anche se i foraggi possono costituire una fonte proteica, soprattutto se di medica o trifoglio, in generale le proteine e gli amminoacidi vengono somministrati con i mangimi, che contengono al loro interno materie prime fonte di proteine (un esempio è la soia) e amminoacidi aggiunti. Nel caso dei mangimi, la qualità dell’apporto proteico dipende dalla loro digeribilità e dal contenuto in amminoacidi essenziali, che devono sempre includere lisina e metionina. Attenzione, il livello di proteina grezza in etichetta indica semplicemente la concentrazione di azoto e non dà informazioni sull’effettiva presenza di amminoacidi essenziali.

Grassi
I grassi sono noti soprattutto per essere un’ottima fonte energetica, ma svolgono una serie molto variegata di funzioni: dal trasporto di vitamine liposolubili, all’essere precursori di ormoni e altre importanti molecole. In particolare, sono fonte di acidi grassi essenziali, che non possono essere prodotti direttamente dall’organismo e quindi sono di fondamentale importanza per il cavallo.
I grassi vengono digeriti a livello gastrico e di piccolo intestino e quindi trasportati a muscoli, fegato o tessuto adiposo, a seconda delle necessità di utilizzo o stoccaggio.
Le fonti più comuni di questo macronutriente sono gli oli (di mais, soia, girasole, cocco, palma, ecc.) e le granelle (soia, girasole, lino, ecc.). Nel cavallo la digeribilità dei grassi varia a seconda della fonte: nei foraggi hanno una digeribilità del 55%, mentre negli oli la percentuale sale al 100%.

Fibra
La parte fibrosa della pianta è digeribile dal cavallo grazie ai miliardi di batteri presenti nel grosso intestino. Qui, le fermentazioni batteriche permettono di digerire la fibra, producendo i cosiddetti acidi grassi volatili (propionico, acetico e butirrico sono i principali) che, attraversata la parete intestinale, entrano in circolo per essere usati subito come fonte di energia o immagazzinati e utilizzati successivamente. La fibra contribuisce anche a nutrire la popolazione microbica del grosso intestino ed è importante fornire fibra di buona qualità per preservare il corretto funzionamento intestinale. Pascolo e fieni (di leguminose o graminacee) devono esserne la fonte principale, arrivando a coprire il 50-100% dei fabbisogni energetici. Tuttavia, la fibra si può trovare anche in altri prodotti, come nella crusca di riso o frumento, nelle polpe di barbabietola e nelle buccette di soia.

Ceneri
Le ceneri indicano la quantità di integrazione che è presente in un mangime e sono composte da macroelementi, come calcio, fosforo, magnesio e sodio, e microelementi, come iodio, ferro, manganese, selenio, zinco e rame, detti anche oligoelementi, oltre alle vitamine. Una condizione di squilibrio di questi elementi può determinare una condizione di malnutrizione generale del cavallo, inficiando nell’omeostasi dell’organismo. Proprio per questo è molto importante l’utilizzo dell’integrazione nella razione giornaliera.

È importante conoscere il significato dei componenti analitici, perché aiutano a capire cosa stiamo somministrando al nostro cavallo. Ovviamente non è il solo campo da considerare e non sono l’unico aspetto che indica la qualità di un prodotto, ma aiutano nella valutazione complessiva, diventando un ottimo metodo per confrontare prodotti simili di aziende diverse.

Chiedi informazioni all’assistenza nutrizionale Cortal (https://www.cortalhorse.it/assistenza-nutrizionale-cavalli/).

Cortal Extrasoy Spa - www.cortalhorse.it | Photo 1 HSJ; Photo 2 e 3 (c) Cortal Exstrasoy Spa

HSJ

facebook

Centri Ippici

facebook