Hubside Jumping Grimaud: incredibile performance di Abdel Said nel Grand Prix CSI5*

Hubside Jumping (c) Sportfot.jpg

Ormai rappresentata del Belgio da qualche settimana, Abdel Said ha segnato l'ultima giornata dell'Hubside Jumping Grimaud - Golfe de St Tropez aggiudicandosi il Gran Premio Hubside Store da 1,60m (LR) del CSI5*. Accompagnato dalla sua Selle Français Bandit Savoie, ha vinto dopo un jump-off ferocemente contestato degno dei più grandi eventi sportivi.
Abdel Saïd a 32 anni, in sella alla sua Selle Français Bandit Savoie, ha appena ottenuto una delle più grandi e migliori vittorie della sua carriera. Un ottimo modo per celebrare il suo recente cambio di nazionalità. Egiziano di nascita, Abdel Saïd monta per il Belgio solo da poche settimane.

In compagnia dei migliori del mondo e sotto il sole del Mediterraneo, domenica pomeriggio è stato davvero un momento di sport emozionante. 31 cavalieri e i loro cavalli sono scesi per difendere non meno di 12 nazioni nel Gran Premio CSI5* - 1,60m Hubside Store di questa domenica. Il progettista spagnolo, Javier Trenor Paz, aveva riservato loro un percorso molto tecnico con 13 ostacoli, 16 salti e un tempo consentito di 84 secondi.

Le due combinazioni, la tripla al n°5 e la doppio di verticali al n°9, si sono rivelati gli elementi determinanti di questa prova. Molti cavalieri hanno commesso qui i loro errori, come il francese Philippe Rozier, in sella a Le Coultre de Muze, Edward Levy e Rebecca LS, il belga Constant Van Paesschen con Isidoor van de Helle e il britannico Harry Charles con l'olimpionico Romeo 88.

Il primo round netto è stato solo quando il francese Bruno Garez con il suo stallone United Sunheup è entrato nel ring. In 82.58sec, la coppia ha trovato il ritmo giusto e ha messo la pressione sugli altri concorrenti. È stato poi seguito dalla  colombiana René Lopez Lizarazo e Kheros Van 'T Hoogeinde, e poi dall'italiano, Piergiorgio Bucci su Casago. Anche Abdel Said (BEL), Mark McAuley (IRL), Pedro Veniss (BRE) e Michael Duffy (IRL) hanno saltato un primo turno perfetto.

Alla fine sono stati solo 6 i concorrenti che hanno scelto di saltare dopo che l'italiano Piergiorgi Bucci ha deciso di ritirarsi. Primo ad andare e unico francese qualificato per l'ultimo atto, Bruno Garez ha tagliato il traguardo in 48.90s. Questo non ha turbato René Lopez Lizarazo, che era più di 2 secondi più veloce (46.21s). La coppia irlandese formata da Mark McAuley e Jasco Vd Bisshcop, già 2° giovedì nel CSI 5* - 1.50 ha confermato la sua attuale buona forma andando ancora più veloce (45.48s). Non abbastanza veloce però contro il belga Abdel Said e il suo fedele Bandit Savoie, un castrone di 10 anni di Qlassic Bois Margot, in passato montato da Steve Guerdat e Fanny Skalli, che hanno tirato fuori tutto e ridotto ulteriormente il tempo a 45.12s.. "Sono entusiasta, sia per me che per la mia squadra che lavora così duramente", ha detto il cavaliere belga. "Bandit è un cavallo straordinario, ha vinto il suo primo 5* a Wellington e ha continuato ad avere una stagione eccellente. I Giochi Olimpici sono stati una delusione per noi, non abbiamo ottenuto i risultati che speravamo (62°) ma abbiamo trovato delle risposte e alla fine ha pagato. Sono davvero felice di vederlo di nuovo al top della forma. Eravamo 4° la scorsa settimana a Roma, questa settimana abbiamo vinto, non avrei potuto sognare di meglio. Oltre a questo, siamo fortunati ad avere la possibilità di competere in un luogo incredibile, era una vera pista di livello 5* e la concorrenza era dura, quindi rende questa vittoria è ancora meglio. Non sarò in grado di tornare il prossimo fine settimana perché abbiamo il campionato nazionale belga, ma spero di tornare presto e vincere di nuovo".

CLASSIFICA COMPLETA https://online.equipe.com/fr/class_sections/617103


Il Gran Premio 2* a Fanny Skalli

Poco prima, la francese Fanny Skalli e il bravissimo Jonka hanno vinto il Gran Premio CSI 2* 1.45m Hubside Store. Con 40 cavalieri ai blocchi di partenza e gli ultimi ad entrare nell'arena, la coppia ha fatto un giro perfetto e si è qualificata per il jump-off contro altri 4 concorrenti tra cui l'esperto Mark McAuley (IRL).  L'amazzone ha ottenuto una vittoria di prestigio, volando e fermando il cronometro a 34.03s, il che significa che la Marsigliese è risuonata nell'anello di Grimaud. "È la nostra prima vittoria in un Grand Prix, quindi è fantastico. Torneremo la prossima settimana per cercare di fare un doppio!". Il secondo posto è andato alla francese Charlotte Leoni su Diakonia du Ventel (35.44s), e il terzo all'irlandese Mark McAuley con Castlefield (36.41s).

Mégane Moissonnier e Ureka de Roy, una cavalla di 13 anni di Quidam de Revel, hanno regalato alla Francia un'altra vittoria aggiudicandosi la classe di velocità CSI 2* (1,40m). Pedro Veniss e Musica Van 'T Roosakker per il Brasile sono arrivati secondi (38.30), mentre la francese Marion Trosset con Karanta ha ottenuto il terzo posto (38.70).

Nel Grand Prix CSI 1* (1,35m) di questa mattina, l'onore è andato al Belgio grazie a Eva Jennen e Emalie Terma G Z. Degli 8 speranzosi che sono partiti, nessuno di loro è riuscito a finire con un netto portando a uno spareggio tra due cavalieri con 4 difetti, uno dal Regno Unito e l'altro dal Belgio. La prima a partire è stata la britannica Christina Gachoud, accompagnata da Daquar Cc 1236, che è stata la più veloce in 47.03s ma ha abbattuto una barriera e quindi ha perso contro il cavaliere belga, che ha concluso in 48.72s. "È il primo 1,35m della mia cavalla e non mi aspettavo di vincere", ha esclamato l'amazzone dopo il suo giro. Il messicano Carlos Hank Gonzalez su H5 Acavaro è arrivato terzo.

La nostalgia della domenica sera lascerà rapidamente il posto alla gioia e alle emozioni che questo magnifico sport può dare. A partire da giovedì, numerosi cavalieri si daranno nuovamente appuntamento per gareggiare nell'arena Hubside Jumping Grimaud - Golfe de St Tropez. A tornare con l'obiettivo di vincere di nuovo saranno i francesi Edward Levy, Alexa Ferrer, Fanny Skalli e l'irlandese Mark McAuley. Tuttavia, dovranno affrontare una concorrenza agguerrita, tra gli altri, da artisti del calibro dello svizzero Steve Guerdat, il tedesco Daniel Deusser e l'americana Laura Kraut, così come Simon Delestre, Nicolas Delmotte e Julien Epaillard in difesa della nazione di origine, la Francia.

www.jumping-golfe-saint-tropez-fr.hubside.fr/ | Photo Sportfot

HSJ

facebook

Centri Ippici

facebook