Gallops of Jordan: un'avventura nel deserto ricca di emozioni

unnamed(151).jpg

Condurre centotrentatre cavalieri e cavalli dalle porte dello spettacolare deserto del Wadi Rum alla mitica città perduta dei Nabatei, Petra, è la scommessa folle e audace che Bady Kebir, Benoît Perrier e il loro team Gallops of Jordan hanno recentemente compiuto. Duecento chilometri a cavallo nel deserto, diciotto nazioni rappresentate dai cavalieri partecipanti, più di centosessanta cavalli, una squadra di venti persone provenienti dalla Francia (dirigenti, medici, veterinari, tecnici e molto altro) e oltre ottanta giordani reclutati in loco per supervisionare e sostenere la gara. Una straordinaria organizzazione ha reso The Gallops of Jordan un successo incredibile.
 
Dopo i Gallops of Oman, of Marocco e of India, Bady Kebir e Benoît Perrier sono riusciti nella loro quarta sfida stupendo i partecipanti mostrando loro vari orizzonti con e paesaggi desertici mozzafiato. Un progetto in cantiere dal 2019 ma rimandato dal 2020 al 2021 a causa del Covid. L'obiettivo del Gallops è quello di scoprire posti spettacolari attraverso una gara di endurance e orientamento dove il benessere dei cavalli è la priorità assoluta. Ogni edizione del Gallops seleziona accuratamente i cavalli sul posto e il loro benessere è monitorato costantemente durante tutta la durata della gara.

Rispetto assoluto per i cavalli

Sua Altezza Reale la Principessa Alia bint Al Hussein di Giordania, Presidente della Federazione Equestre Reale Giordana, subito conquistata dal progetto Gallops, ha aperto le porte dei suoi club equestri. "Avevamo visitato praticamente tutti i siti equestri in Giordania - una buona quindicina almeno - dove c'erano cavalli potenzialmente in grado di compiere questo trekking che richiedeva una forta resistenza. Dopo esami e controlli approfonditi, abbiamo selezionato centosessanta cavalli su oltre duecento che ci sono stati presentati. Una volta selezionati, abbiamo firmato dei contratti con i proprietari che richiedevano loro di allenare i loro cavalli per le gare di endurance per due mesi prima dell'evento", ha spiegato Bady Kebir. Tutti i cavalli sono arrivati sani e salvi al traguardo grazie all'ampia e rigorosa sorveglianza dei quattro veterinari che hanno monitorato la salute e il benessere degli animali. In ogni evento Gallops, si sono formate coppie inseparabili cavaliere e cavallo al punto da non poter essere separati l'uno dall'altro. Tre concorrenti sono in procinto di acquistare e importare i loro cavalli giordani per essere poter stare insieme nella loro nuova casa.

Emozioni forti

Mentre il traguardo davanti al tempio di Petra reso famoso da Indiana Jones è stato il momento culminante del Gallops of Jordan, i cinque giorni di avventura sono stati segnati da momenti indimenticabili. Tra i momenti salienti, il famoso e leggendario White Party, nella spettacolare cornice delle roccia rosse del deserto unite all'ocra della sabbia. I concorrenti hanno ballato sotto le stelle nella maestosa Cerimonia di chiusura di gala nella sontuosa cornice di Little Petra, con la presenza di membri della famiglia reale giordana e di ambasciatori stranieri delle nazioni partecipanti.
 
A livello umano, tutti sono stati estremamente commossi ed ispirati dalla lezione di coraggio ed ottimismo dimostrata dall'amazzone belga Émeline Parmentier, vittima di un incidente d'auto che le è costato l'amputazione di  entrambe le gambe a 23 anni. Il suo sogno era quello di partecipare al Gallops e raggiungere il traguardo a Petra. Obiettivo raggiunto: "Mi sono posta una sfida abbastanza importante, volevo dimostrare a me stessa che potevo farlo. L'ho fatto anche per altre persone che possono avere le mie stesse difficoltà, per dimostrare loro che tutto è possibile e per aiutarle a realizzare anche i loro sogni".

Un altro momento emozionante è stato l'arrivo a Petra di Sua Altezza Reale, la giovane principessa giordana Jalila bint Ali, nipote di Sua Altezza Reale il re Abdullah II di Giordania. Suo padre, Sua Altezza Reale il principe Ali bin Hussein, di ritorno da un viaggio diplomatico in Europa, l'ha sorpresa al traguardo. Sua Altezza Reale la principessa Jalila, 16 anni, è un'appassionata di resistenza e si allena duramente con l'obiettivo di gareggiare per il suo paese nelle competizioni internazionali di endurance. È arrivata senza difficoltà, affiancata dal suo allenatore, Jehad Shhaltough, alla fine della corsa di 200 chilometri. Altri partecipanti hanno faticato un po' di più per arrivare al traguardo, ma tutte le squadre hanno tagliato il traguardo con successo. I partecipanti stanno già chiedendo all'organizzazione del Gallops dove si svolgerà la prossima edizione. Bady Kebir, che attualmente si sta riprendendo da tutto il duro lavoro e l'energia impiegata per attuare questa magnifica edizione, ci ha detto che la prossima edizione potrebbe svolgersi in Egitto, Arabia Saudita o Patagonia. Ancora prima che i partecipanti fossero tornati a casa, c'era già una lista di partecipanti iscritti per la prossima avventura, non importa dove sarà.
 

Gallops of Jordan press| Foto © Christophe Bricot - Galoppi di Giordania

facebook

Centri Ippici

facebook