Arte e cavalli: l'arte in movimeto di Degas

cavalli in movimento.jpg

Edgare Degas (Parigi 1834 – Parigi 1917) è stato un grande artista della metà del diciannovesimo secolo; è stato uno dei fondatori de movimento Impressionista come Edouard Manet e Pierre-Auguste Renoir, Monet, Van Gogh.  Una scelta, quella di dipingere, fortamente voluta sin da ragazzo, anche se il padre avrebbe preferito direzioni diverse.
La decisione dell'artista si rivelò corretta, anche perchè grazie ai suoi quadri riusci a sopperire ai debiti del padre e della zia, vendendo la casa di famiglia e molti dei suoi dipinti per appannare il debito. Fu così per la prima volta che si rese conto di quanto potessero essere importanti ai fini professionali e non solo artistici le sue opere.
E' stato certamente un grande esponente di una Francia rimasta nell'immaginario collettivo, di una Parigi elegante, romantica e Degas ha saputo rappresentare benissimo questo mondo.
Degas  negli ultimi anni, quando è ormai famoso e quasi cieco si ritira a vita privata.
Conosciuto come “il pittore delle ballerine”, è stato anche scultore e disegnatore, tecnica nella quale emergeva.
Degas non amava dipingere "en plein air", come facevano i suoi colleghi, tanto che un giorno dichiarò: “Se fossi al governo, istituirei un reparto speciale della gendarmeria solo per tenere d’occhio gli artisti che dipingono all’aperto i propri paesaggi”.
Per quanto i riguarda i cavalli, temi per cui ci siamo avvicinati a questo grande pittore parigino al 100%, la sua volontà di dipingere ippodromi e cavalli al galoppo, riguarda il fascino di tutto ciò che rappresentava il movimento, affascinato velocità.
Degas predilige la scelta a taglio fotografico e come abbiamo già detto la caratteristica di dipingere in spazi chiusi. Lo sviluppo della macchina fotografica viene vissuta dal pittore come un'opportunità nello studio delle immagini  tra cui le sequenze fotografiche di Eadweard Muybridge con cui vengono ripresi i movimenti di un cavallo al galoppo e che vide sul giornale parigino Le Globe nello stesso anno in cui produsse il quadro (1881). Le riprese vennero effettuate a Palo Alto in California tramite macchine fotografiche disposte in batterie e pubblicate in un volume intitolate Attitudes of animal in motion, che diedero oltretutto un grosso contributo nello studio veterinario dell'apparato di locomozione degli animali.
L'opera di Edgar Dègas e conservata e visibile all' Art gallery and museum Glasgow, Scozia.

HSJ

f.te metropolitan. it -dueminutidarte

facebook

Centri Ippici

facebook