Veterinaria

Veterinaria: la prevenzione della colica.

colica.jpg

Coloro che fanno parte del mondo equestre (grooms, proprietari e cavalieri), sanno che la colica è la principale situazione da evitare.
La colica infatti è una delle più frequenti cause di decesso per i cavalli, colpisce all'improvviso e bisogna essere tempestivi e pronti nel trattarla.
Vi sono però dei piccoli accorgimenti che, se opportunamente osservati, vi eviteranno o comunque ne ridurranno sensibilmente l'insorgere delle coliche nel tempo.

facebook

Veterinaria: l'importanza della cura dentale del cavallo.

denti.jpg

E' importante sapere che i denti del cavallo a differenza de nostri crescono in continuazione, perchè concepiti per supportare il cavallo, un animale erbivoro programmato per trascorrere la maggior parte della sua vita a brucare erba e foraggio, il quale contiene una sostanza chiamata silicato che è abrasiva e consuma la dentatura in poco tempo.

facebook

Veterinaria: arriva il bel tempo. Attenti alle zecche

zecca2.jpg

Ora che è prossima la bella stagione cresce la voglia di quelle belle, sane e rilassanti passeggiate nelle campagne e nei boschi con il nostro amico equino.

Ma, onde evitare spiacevoli ripercussioni sulla salute del nostro amico (e anche della nostra, se è prevista una parte di tragitto a piedi), c'è una cosa da sapere, particolarmente insidiosa e potenzialmente letale: la zecca.

Le zecche infatti si presentano come animaletti apparentemente innocui ma in realtà sono un pericolo reale ed insidioso.

facebook

Veterinaria: il piede del cavallo è proprio "il cuore" del movimento del cavallo.

piede sezione cavallo.jpg

Proseguiamo con la rubrica veterinaria curata dal dott. Vittorio Meschia e trattiamo la parte circolatoria del piede.

La parte circolatoria venosa e arteriosa digitale è costituita da un grosso plesso, detto plesso solare.
a) ramo arterioso digitale
b) plesso venoso
c) nervo palmare con le branche digitali anteriore e posteriore
d) plesso solare

facebook

Alimentazione: cavallo mio quanto mangi?

alimentazione cavallo.jpg

Sovente può accadere di non essere pienamente sicuri, che il nostro cavallo abbia a disposizione la giusta razione giornaliera di cibo.
Facciamo riferimento a tutti coloro che, per non sbagliare, abbondano nelle porzioni, tanto per non fare torto al classico detto latino, “melius abundare quam deficere”.
Partiamo dall’assunto che un cavallo in natura, passerebbe quasi l’intera giornata a mangiare, eccezion fatta per le pause per il gioco, per la comunicazione con altri simili e per il riposo.

facebook

Veterinaria: cosa sono le attiniture?

Le attinture sono lesioni traumatiche  che interessano la faccia interna del nodello, che si originano come conseguenza di colpi prodotti dal ferro o dallo zoccolo dell'arto opposto. Una ferratura adeguata, che corregga i difetti d'appiombo, è la soluzione migliore per risolvere questo problema. Le attinture possono interessare anche la parte interna, situata circa a metà dello stinco o la faccia mediale del ginocchio. Questo tipo di attinture è frequente soprattutto nei trottatori per l'ampiezza dei loro movimenti.

facebook

Veterinara: "La zoppia del cavallo", struttura microscopica dello zoccolo (parte 2)

parte circolatoria piede.jpg

Dopo aver preso in considerazione la composizione dello zoccolo nella prima parte redatta dal dott. Vittorio Meschia, proseguiamo con l'analisi.
Le lamine sensitive sono ricche di vasi e ricoprono l'osso le cartilagini alari e le barre sensitive della suola. Le appendici delle lamine sensitive si intersecano con quelle dello strato interno.

facebook

Veterinara: "La zoppia del cavallo", struttura microscopica dello zoccolo (parte 1)

zoccolo strati.jpg

La struttura microscopica del piede del cavallo è uno dei capolavori della natura. La breve descrizione seguente consente di comprendere come la struttura interna dello zoccolo sia finalizzata a realizzare grande resistenza ed estrema flessibilità per sopportare la terza falange, proteggendola dalla concussione derivante dall'impatto con il terrreno. Ricordiamo che nel galoppo vi à una fase nella quale tutto il peso del cavallo grava su un unico piede.
COMPOSIZIONE DELLO ZOCCOLO

facebook

Veterinaria: la prevenzione della colica

Colica cavallo.jpg

Coloro che fanno parte del mondo equestre (grooms, proprietari e cavalieri), sanno che la colica è la principale situazione da evitare.
La colica infatti è una delle più frequenti cause di decesso per i cavalli, colpisce all'improvviso e bisogna essere tempestivi e pronti nel trattarla.
Vi sono però dei piccoli accorgimenti che, se opportunamente osservati, vi eviteranno o comunque ne ridurranno sensibilmente l'insorgere delle coliche nel tempo.

facebook

Veterinaria: "La zoppia del cavallo, conoscere per capire" - la parte interna dello zoccolo e gli "ammortizzatori" del cavallo.

zoccolo interno.gif

Una nuova puntata della nostra rubrica veterinaria dedicata nello specifico alla zoppia del cavallo, analizziamo oggi quella che è la parte interna dello zoccolo, per molti misteriosa e relativamente sconosciuta.
Partiamo con l'identificazione della componente ossea, che comprende parte della seconda falange (o coronale), la terza falange (o triangolare) e l'osso navicolare.

facebook

Veterinaria: "La zoppia del cavallo, conoscere per capire": IL PIEDE parte I

muraglia.jpg

Considerata basilare una approfondita conoscenza del piede in tutte le sue componenti, ed è esattamente l'argomento che affronteremo in questa puntata della nostra rubrica veterinaria: IL PIEDE.

Il piede nel suo complesso prende nome di zoccolo, di forma leggermente conica è composto da una parete che lo ricopre interamente e che prende il nome di MURAGLIA e rivestito da un tessuto duro ma elastico, l'UNGHIA, nella quale si distingue la parte più dura (quella scura alla base) e quella più morbida ed elastica (quella chiara nella parte superiore dello zoccolo).

facebook

Veterinaria: la zoppia del cavallo, la struttura del piede.

zoccolo.jpg

Ancora un appuntaemento con la  rubrica veterinaria dedicata alla zoppia del cavallo, redatta dal Dott. Vittorio Meschia.
 Analizzeremo con attenzione il piede.
Il dito anatomico è composto dalla prima, seconda e terza falange e dall'osso navicolare.
Il piede chirurgico è composto da parte della seconda falange, dalla terza falange e dal navicolare.

Approfondiamo un pò la conoscenza del piede in tutte le sue componenti.

facebook

Veterinaria: anatomia del cavallo, arti anteriori e arti posteriori

arto post.preview.jpg

A differenza dell'uomo l'arto del cavallo non ha connessioni ossee con il tronco (manca infatti la clavicola), le due parti sono in rapporto solo ed esclusivamente grazie ai muscoli. La scapola con i suoi muscoli e legamenti è il solo nesso con il tronco.
Tra la scapola e il tronco si instaura un movimento di slittamento che permette l'avanzamento o l'indietreggiamento dell'arto.

facebook

Veterinaria: dal Cile la nuova formula per misurare il peso dei puledri

puledro_0.jpg

Da una ricerca effettuata in Cile arriva un nuovo metodo per stimare il peso di un puledro, una nuova formula con la quale sarà più pratico e facile monitorare la crescita del nostro piccolino.
E' molto importante tenere sotto controllo periodicamente il peso dei puledri, non solo per monitorare il tasso di crescita ma anche per il dosaggio accurato di antielmintici e farmaci in generale.

facebook

Veterinaria: attenzione alle ghiande.

ghiande.jpg

Per quanti di voi hanno il cavallo in stallo nei pressi di zone boschive, raccomandiamo di fare molta attenzione alla presenza di ghiande.
Quando si ripresenterà la bella stagione nulla è più piacevole per il vostro cavallo trascorrere qualche giornata al pascolo nel paddock, ma attenzione a quei paddock localizzati nelle vicinanze di querce.
Il frutto della quercia infatti, la ghianda, è un alimento tossico per la maggior parte degli animali da allevamento, tranne che per i suini che vengono lasciati liberi di pascolare per sgombrarne il terreno.

facebook

Iniezioni di fattore di crescita aiutano il processo di guarigione delle ossa

radiografia.jpg

Ricercatori giapponesi della "Obihiro University of Agriculture and Veterinary Medicine" di Hokkaido hanno scoperto che microsfere di gelatina contenenti bFGF, un fattore autocrino di crescita, rendano più veloce il processo di guarigione dei danni ossei.
La ricerca pubblicata nel numero di dicembre del "American Journal of Veterinary Research", riguarda il trattamento di danni al terzo metacarpo (MC3s) di 6 purosangue, indotti sperimentalmente.

facebook

La guarigione attraverso il cavallo.

Alexandra Rieger rid (640x426).jpg

Ecco come la life coach italo tedesca Alexandra Rieger ha provato prima su di sé questo processo, lento ma concreto e stabile, di crescita personale e guarigione dai propri condizionamenti, soprattutto dalle paure: attacchi di panico, depressione, ma anche fragilità emotiva, insicurezza e frustrazione sono manifestazioni di disagi che posso essere superati. Anzi, il senso del disagio chiede proprio di guardare e affrontare quello che vi sta sotto.

facebook

Barefoot e il periodo di "transizione".

barefoot senza ferri.jpg

Il Barefoot è una corrente di pensiero nata negli Stati Uniti e che si è diffusa molto negli ultimi anni e che comprende, oltre al fatto di mantenere il cavallo "scalzo" (ossia privo di ferratura per dare modo al piede di non subire costrizioni), uno stile di vita concepito che riporta il cavallo in un ambiente più simile a quello che troverebbe in natura.

facebook

Centri Ippici

facebook