Longines FEI Jumping Nations Cup™ Final 2019.

Hanno avuto inizio oggi le gare della tanto attesa finale mondiale della Longines Fei Jumping Nations Cuptm che, per la settima volta consecutiva, si svolgerà in Spagna, precisamente a Barcellona, presso il Real Club de Polo fino a domenica 6 ottobre.
La prova di apertura è stata la 1.45m NEGRITA CUP a tempo che ha visto la vittoria del francese Mathieu Billot in sella a Lord de Muze (0/55.90”).
A seguirlo sul podio, in seconda posizione, è stato il connazionale Nicolas Delmotte con Alanine de Vains (0/59.17”) e, in terza posizione, il tedesco Daniel Deusser con Kiana Van Het Herdershof (0/59.40”).
Zero le penalità anche per l’italiano Paolo Paini in sella a Konstop nel tempo di 69.60 secondi che si aggiudica la 26^ posizione della classifica.
Tre invece le penalità per Lorenzo de Luca e Scuderia 1918 Halifax Van Het Klui nel tempo di 83.55 secondi alla 37^ posizione e quattro penalità per Emilio Bicocchi con Flinton nel tempo di 55.53 secondi e per Massimo Grossato con Kilano Van De Vlasbloemhoeve nel tempo di 62.33 secondi rispettivamente alla alla 38^ e 44^ posizione.
Per quanto riguarda la Longines FEI Jumping Nations Cuptm Final [First Round], invece, ad aggiudicarsi la vittoria è stata la squadra del Belgio composta da Olivier Philippaerts con H&M Extra, Pieter Devos con Jade V. Bisschop, Jerome Guery con Quel Homme De Hus e Gregory Wathelet con MJT Nevados S con un totale di 4 penalità nel tempo complessivo di 232.72 secondi.
Seconda posizione per la squadra francese composta da Penelepe Leprevost con Vancouver de Lanlore, Dimon Delestre con Hermes Ryan, Nicolas Delmotte con Urvoso Du Roch e Mathieu Billot con Quel Filou 13 con un totale di 5 penalità nel tempo complessivo di 26.47 secondi.
Terza posizione per la Svezia con Henrik von Eckermann con Toveks Mary Lou, Fredrik Jonsson con Cold Play, Evelina Tovek con Dalila de la Pomme e Peder Fredricson con H&M All In con un totale di 9 penalità nel tempo complessivo di 233.51 secondi.
La classifica poi va avanti con: al 4^ posto la squadra della Colombia, al 5^ per l’Irlanda, 6^ per la Germania, 7^ per la Svizzera, 8^ per l’Italia, 9^ la Spagna, 10^ l’Olanda, 11^ per la Norvegia, 12^ per l’America, 13^ per il Giappone, 14^ per l’Inghilterra, 15^ per il Brasile, 16^ per il Messico, 17^ per l’Egitto e 18^ per il Portogallo.
Per l'Italia, ci sono stati momenti di grande tensione. Dopo l'ottimo giro di Luca Marziani su Tokyo du Soleil che ha chiuso senza errori agli ostacoli, Massimo Grossato su Lazzaro delle Schiave ha terminato con due errori agli ostacoli, Paolo Paini con Ottava Meraviglia di Ca’ San Giorgio 4 penalità e Lorenzo de Luca su Dinky Toy van het Kranenburg chiuso il primo round con 9 penalità. Il conteggio totale ha portato il team azzurro alla pari con la Spagna ma l'Italia è riuscita a classificarsi tra le otto squadre che ripartiranno domenica per il secondo round. La somma dei tre migliori percorsi ha mandato l'Italia in finale per un vantaggio di 0,45 secondi,  
Domenica saranno in campo i team di Belgio, Francia, Svezia, Colombia, Irlanda, Germania e Svizzera, Italia. Oltre alla squadra azzurra lottano per la qualifica olimpica, Irlanda e Colombia.

facebook

Centri Ippici

  • show jumping usa
facebook