Sardegna Jumping Tour: il secondo Gran Premio lo vince Natale Chiaudani

chiaudani vincitore gpremio sardegna.jpg

Si è conclusa un'edizione del Sardegna Jumping Tour che ha compiuto un deciso salto avanti sotto il profilo tecnico e organizzativo, come hanno sottolineato pure i cavalieri venuti dalla Penisola. Domenica la giornata finale di una dieci giorni che ha animato con 170 binomi il rinnovato campo gara di Tanca Regia (Abbasanta) e ha messo in palio grazie alla Regione Sardegna ben 103.500 euro divisi nei due Concorsi nazionali 6* di salto ostacoli, organizzati da Agris, Aancaad e Fise Sardegna.
Se il primo Gran Premio a due manches C145/C150 è stato vinto dall'olimpionico Gianni Govoni, che ha conquistato pure il secondo posto, domenica rivincita per un altro cavaliere azzurro, plurimedagliato alla Coppa delle Nazioni: Natale Chiaudani in sella ad Athinia ha fatto percorso netto in 52” tempo più rapido dell'altro binomio senza penalità, quello formato dal Primo Maresciallo dell'Aeronautica Militare Stefano Nogara in sella a Claus che ha chiuso in poco meno di 62”. Terzo Gianni Govoni con Bella Fayvinia Z.
Unico cavaliere sardo ad approdare alla seconda manche è stato Andrea Guspini su Ocean Girl, che è arrivato sesto.
Ad effettuare le premiazioni sono stati l'assessora regionale all'Agricoltura Gabriella Murgia, il commissario straordinario Agris Raffaele Cherchi e il presidente della Fise Sardegna Stefano Meloni.
Nelle altre gare importanti del secondo weekend da evidenziare la vittoria nella C130 a tempo qualificante del caporalmaggiore dell'Esercito Simone Coata che in sella a Cubia (vincitori anche della C135 a tempo) ha preceduto di tre secondi Giovanni Cualbu su Silvano. Nel derby C130 Natale Chiaudani su Eterna ha battuto il cavaliere tedesco Rudolf Arnold su Berlin 10. Il binomio Chiaudani-Athinia ha vinto venerdì la C140 a fasi consecutive, mentre Gianleonardo Murruzzu con Hornet's Silber ha conquistato la C130 mista qualificante e Stefano Nogara con Date Night si è imposto nella C135 mista qualificante.
Trofeo dei Nuraghi – Organizzato da Agris e Fise Sardegna e riservato ai cavalli nati e allevati in Sardegna ha messo in palio 61 mila euro. Dopo le quattro tappe provinciali, le finali regionali si sono disputate in seno al Sardegna JumpingTour.
Ecco i vincitori.
Nei 4 anni ha vinto Zuela con Enrico Carcangiu (Asd Grighine) allevata da Roberto Loddo, l'unico cavallo a concludere senza penalità.
Nei 5 anni ex equo a tre: Marco Pau del circolo Usignolo in sella a Verner, allevato da Giuseppe Marco Taula; Andrea Rossi, del Circolo Ippico Is Alinos, su Venerella, allevato da Mauro Giovanni Atzori; Carlo Codecasa, altro cavaliere del circolo Usignolo, in sella a Victorus, allevato da Clelia Capraro.
Nei 6 anni successo del binomio formato da Gianleonardo Murruzzu (CI Sardinia e Horses) e Unico Monteleone, allevato da Francesco Murgia.
Nei 7 anni e oltre primo e secondo posto per i cavalli allevati da Alessandra Diaz: Andrea Guspini sull'esperta Ocean Girl ha preceduto Giovanni Carboni su Rubacuori Baio.
57° Premio Regionale Allevamento – Gli allevatori hanno constato l'efficacia dell'abbinamento del Premio Regionale al Sardegna Jumping Tour, perché i 195 soggetti presentati, 185 cavalli di uno, due e tre anni, più dieci foal nati nel 2019, sono stati visionati da un pubblico più folto e soprattutto dai cavalieri arrivati dalla Penisola e da qualche cavaliere straniero.
Al primo posto dell'edizione numero 57 si è classificata Amal, cavallo di proprietà di Gianluca Melis di Selargius. La figlia di Singulord Joter e Infedele del Terriccio (da Can Can del Terriccio) è stata presentata dal cavaliere Andrea Guspini.
 
Foto di Pasquale e Antonio Corbinzolu

Ufficio stampa
Giampiero Marras

facebook

Centri Ippici

  • show jumping usa
facebook