Longines Global Champions Tour Paris, prima giornata di gare, Lorenzo De Luca sul podio.

Hanno avuto inizio, ieri, le gare dell’undicesima delle venti tappe del circuito di Longines Global Champions tour che, dopo Doha, Città del Messico, Miami, Shanghai, Madrid, Amburgo, Cannes, Stoccolma Cascai-Estoril e l’appena conclusa di Montecarlo, questa volta si svolge in Francia, a Parigi.

A scendere in campo per difendere la bandiera tricolore nel CSI5* abbiamo visto: Alberto Zorzi, Emanuele Gaudiano e Lorenzo De Luca; mentre, nel CSI1* concomitante: Gessica Gusi, Tiziano Barea, Vanessa Barea, Priscilla Pigozzi Garofalo e Michael Di Carlo.

La prima categoria del CSI5*LGCT ad andare in scena  è stata la 1.45m Prix Le Figaro che ha visto la vittoria del cavaliere di casa Edward Levy in sella a Starlette de la Roque con zero penalità nel tempo di 28.24sec in seconda fase.
Seconda posizione per l’amazzone svedese Malin Baryard-Johnsson con H&M Second Chance (0-0/28.50”) e, terza posizione, per il binomio belga composto da Wilm Vermeir e King Kong d’Avifauna (0-0/28.73”).
Per l’Italia, 22^ posizione della classifica per Alberto Zorzi in sella a Ulane de Coquerie con 2 penalità in seconda fase nel tempo di 41.38 secondi e 24^ posizione per Lorenzo De Luca in sella a Scuderia 1918 Halifax van het Kluizebos sempre con 2 penalità in seconda fase nel tempo di 42.59 secondi.

A seguire, nella 1.50/1.55m Global Champions League of Paris – First GCL Competition presented by Massimo Dutti, ad ottenere la prima posizione del podio è stato l’irlandese Darragh Kenny in sella a Christos (0/65.78”) seguito, in seconda posizione, dall’italiano Lorenzo De Luca con Soory de l’Hallali (0/66.11”) e, in terza posizione, dal colombiano Rene Lopez con Twig du Veillon (0/66.20”).

Per quanto riguardra la League, invece, vittoria per i St Tropez Pirates, team composto da Edwina Tops-Alexander con Veronese Teamjoy e Pieter Devos con Claire Z.
Seconda posizione per i Miami Celtics con Jessica Springsteen in sella a RMF Zecilie e Shane Breen in sella a Ipswich van de Wolfakker e, terza posizione, per i Prague Lions con Marc Houtzager in sella a Sterrehof’s e Niels Bruynseels in sella a Delux van T&L.

Vittoria danese, infine, nella Six Bar-Record de Sauts en Hauter presented by Renault con Emil Hallundbek in sella a Cool Hand Luke 3 (0-0-0-0) seguito, in seconda posizione dal tedesco Christian Ahlmann con Dolocia (0-0-0-4) e in terza posizione, dal francese Philippe Rozier con Vincy du Gue (0-0-0-4).

 

MS

facebook

Centri Ippici

facebook