In centinaia a Vigone per festeggiare il compleanno del Capitano, Varenne

Varenne XXIII

Ieri, sabato 19 maggio, ricorreva un anniversario speciale: la leggenda del trotto Varenne ha compiuto 23 anni e in quel di Vigone all'Allevamento piemontese del Grifone l'atmosfera era quella delle feste: per l'occasione l'Allevamento del Grifone ha accolto visitatori giunti da varie parti d'Italia per festeggiare il compleanno del campione, ospite illustre della stazione di monta che gestisce anche i suoi impegni di riproduttore.

Tra coloro che seguono le attività del centro e del campione c'è Jacopo Brischetto, a cui abbiamo chiesto qualche notizia sull'universo che attualmente ruota intorno ad una leggenda come Varenne il quale, seppure in pensione, rimane comunque una leggenda del trotto nonchè uno dei campioni più amati soprattutto dagli italiani.

Pensando ad un campione come lui si stenta un pò a figurarselo in pensione, anche se coccolato come sempre: come trascorre le sue giornate? E' vero che si allena ancora tutti i giorni?

"Sì è vero, certo l'allenamento non è più quello di un cavallo dedicato alle competizioni, ma giornalmente la sua tata Anna Crespo lo fa muovere una quarantina di minuti nel tondino."

Quante e chi sono adesso le persone addette a prendersi cura di lui e della sua routine? 

"La sua tata Anna Crespo si occupa di lui a 360° ed è anche l'addetta al reparto stalloni, l'equipe di veterinari guidata da Cesare Rognoni che ne segue l'attività di riproduttore e poi ci sono i rappresentanti della proprietà e di Enzo Giordano anche se non sono sempre presenti."

Dunque la sua tata storica è cambiata, quali sono le principali "coccole" o attenzioni particolari che la sua attuale tata gli riserva?

"Dall'ottobre del 2002, cioè da quando si è ritirato dalle corse ed è con noi, è Anna Crespo la persona che si incarica ogni giorno di prendersi cura di lui, cosa che fa con grandissimo affetto ed estrema attenzione. Anna è la persona che maggiormente lo conosce e ne comprende le esigenze, con un solo sguardo è in grado di capire il suo stato d'animo e se qualcosa non va."

Una premura particolare che è tipicamente riservata a lui è una preparazione quasi maniacale per far sì che non sia infastidito dagli insetti, che sono una cosa che proprio non sopporta.

Varenne ha abitudini o preferenze particolari? 

"Una cosa che si porta dietro da tempo è quella di bagnarsi il fieno da solo prima di mangiarlo: lo mette proprio nell'acqua e se lo riprende, lo mangia solo così. Oltre all'intolleranza verso gli insetti che è qualcosa di impressionante, mai visto a questi livelli in nessun altro cavallo."

Lo scorso anno il numero di figli di Varenne era stimato a 2000, ora quanti protrebbero essere? Da dove proviene il maggior numero di richieste per il seme di Varenne? Il numero di richieste è sempre rimasto costante oppure è cambiato negli anni?

"Con quelli di quest'anno potremmo essere tra i 2000 e i 2200, le richieste arrivano prevalentemente dall'Italia e qualcuna anche dall'Europa, esclusa la Francia che ha uno studbook chiuso e riservato."

All'inizio della sua carriera di riproduttore richieste arrivavano anche dagli USA, ma poi non essendo presente sul territorio americano come stallone le richieste da quella parte sono diminuite, l'Italia comunque rimane il suo terreno principale come riproduttore.

Quali sono i riproduttori principali che possono essere considerati concorrenti di Varenne?

"In Italia anche a causa della crisi che ha colpito questo settore non esiste un vero e proprio stallone concorrente, mentre all'estero stanno andando forte il francese Ready Cash e negli USA sta invece dominando Muscle Hill, ma anche per entrambi questi stalloni non si può parlare di concorrenza vera e propria perchè il loro tasso di monta è molto superiore ed è diverso anche il circuito di provenienza."

Ora a 23 anni e dopo molto tempo trascorso al paddock, Varenne è cambiato caratterialmente? Ha mai dato segni di noia o intolleranza all'inattività? 

"No assolutamente, è arrivato da noi che era già un cavallo dal carattere molto equilibrato, estremamente a suo agio anche nella folla e durante le manifestazioni, occasioni che non disdegna di frequentare ed è anche estremamente socievole."

Riceve ancora molte visite e per la maggior parte da che tipo di pubblico? 

"Riceve ancora numeorse visite e di diverso genere: vengono allievi con le scuole che dopo averlo conosciuto visitano l'allevamento, vengono suoi tifosi storici ma anche semplici appassionati o simpatizzanti, anche persone che non avevano in realtà nessun interesse di tipo equestre ma sono stati attirati proprio da Varenne."

Sabato si è festeggiato il suo 23° compleanno, quante persone generalmente partecipano all'iniziativa e che cosa prevedeva il programma?

"Ogni anno facciamo questa festa il primo sabato più vicino alla data del 19 maggio, ma quest'anno la data della festa cade proprio lo stesso giorno del suo compleanno. Alla festa solitamente se il meteo è favorevole partecipano tra le 200 e 300 persone. In questa giornata c'è la sfilata di Varenne, che ama particolarmente questa occasione, poi una piccola cerimonia di premiazione delle persone che ruotano intorno a lui e la tradizionale torta di carote con le foto di rito."

Una tradizione che è anche un meraviglioso modo di celebrare un campione come Varenne, protagonista di una delle storie più belle e particolari del settore equestre: con le sue vittorie altisonanti ha prodotto un'ondata di orgoglio nazionale e degli sport equestri un pò in tutta la penisola, che poche volte nella storia è stata così unitamente innamorata di cavalli, e di uno in particolare, come negli anni di gloria di Varenne.

Riproduzione Riservata 

Marzia Cucchetti 

Foto: courtesy Allevamento del Grifone

facebook

Centri Ippici

facebook