Terapie alternative, quando e come utilizzarle

Agopuntura

Tra le alternative terapeutiche vi sono trattamenti come la manipolazione chiropratica, l'agopuntura e i medicamenti erboristici della tradizione cinese che possono felicemente supportare i trattamenti tradizionali.

Sono molti i veterinari che hanno sperimentato e approfondito il mondo delle terapie alternative, all'interno del quale vi hanno trovato mezzi assolutamente efficaci per rilassare il cavallo e farlo sentire a suo agio, condizioni emotive che lo rendono più performante.

Soprattutto in Florida, nel centro specializzato in veterinaria equina per cavalli sportivi Palm Beach Equestrian Center, l'utilizzo di queste applicazioni è stato attentamente monitorato studiandone attentamente i benefici: sia la manipolazione chiropratica che l'agopuntura possono sciogliere le eventuali rigidità muscolari del cavallo e contribuire a conservare una buona flessifibilità dell'apparato muscolo-scheletrico oltre a ritardare le problematiche di locomozione tipiche dell'inivecchiamento, prolungando l'efficienza e la "giovinezza" della muscolatura del nostro quadrupede.

Entrambe inoltre si sono rivelate anche molto utili per curare dolori alla schiena, in aggiunta al classico protocollo veterinario sono strumenti assai efficaci.

L'agopuntura, basata sulla stimolazione dei canali energetici nascosti e distribuiti in tutto il corpo in connessione con determinati organi interni, è stato riscontrato che non solo può essere applicata in aggiunta a terapie tradizionali per risolvere problemi muscolo-scheletrici, osteoartriti e alleviare disagi di tipo degenerativo, ma anche alleviare problemi di natura neurologica, risolvere disturbi gastrointestinali, metabolici o respiratori come asma e tosse di natura cronica.

Nel corso degli anni le terapie alternative hanno riscosso un successo sempre maggiore nel campo veterinario come trattamenti complementari alle terapie tradizionali, nel caso della manipolazione chiropratica l'obiettivo è riequilibrare la struttura principale (colonna vertebrale) con quella muscolare con la manipolazione muscolare e ripristinare la naturale mobilità del cavallo dopo aver identificato la causa che genera la restrizione della mobilità, come ad esempio una sublussazione.

Source: Press Release Palm Beach Equine Clinic (PBEC)

Photo: Courtesy of PBEC

facebook

Centri Ippici

facebook